vieste , Benvenuti a Vieste, appartamenti vieste, residence vieste, vieste appartamenti, appartamenti vacanze Vieste, gargano, puglia, apulia, appartamenti in affitto a Vieste, appartamenti affitto a vieste

www.viestedoc.it





















Vieste Gargano
Vieste Gargano
www.viestedoc.it
Informazioni Last Minute
Vieste: la città della Tua Vacanza!!!
Vieste Gargano
www.viestedoc.it
Informazioni Last Minute
Case per Vacanza
Bed and Breakfast
Agriturismo
Pensioni
Hotels
Campeggi
Villaggi
Residences
Agenzie
Operatori Economici

Home Page

Vieste: Il Pirata Dragut

Vieste, Pizzomunno, Gargano - Splendida città sul Gargano, con numerosi alberghi, residence, hotel, villaggi, pensioni, agenzie e agriturismo a disposizione del Turismo.

Dragut, Turghut Reis, Dorghut Rais, Turhud Rais, Dargut, sono i tanti nomi di Turghud 'Alì, nato a Bodrum, in Turchia nel 1485, morto a Gozo in Malta nel 1565. Di origini contadine, fu notato da alcuni soldati e fu arruolato nell'esercito ottomano, al servizio di Khayr al-Din (Barbarossa). Compì numerosi saccheggi, specie sulle coste napoletane e siciliane. Nel 1538 prese parte alla battaglia navale di Prevesa al fianco di Barbarossa, contro Andrea Doria. Divenne talmente potente che Carlo V in persona impartì l'ordine di catturarlo a tutti i costi. Nel 1540 a Gozo, di ritorno da una scorreria a Pantelleria, fu accerchiato e sconfitto con tutta la sua flotta. Catturato, fu consegnato ad Andrea Doria, che lo fece incatenare come galeotto ai remi della sua nave ammiraglia per quasi

quattro anni. Ritenuto ormai innocuo, fu venduto come schiavo e liberato pochi anni dopo (probabilmente dietro il pagamento di un ingente riscatto da parte di Khayr al-Din Barbarossa in persona). Tornò così libero in Turchia. Continuarono così le sue scorrerie sulle coste del Mediterraneo. Il 4 luglio 1549 assediò Rapallo in Liguria. Nel 1553 non c'era quasi alcun villaggio toscano che non fosse stato saccheggiato da lui. Nel 1544 Khayr al-Din Barbarossa si ritirò, lasciandogli il comando dell'intera flotta ottomana. Dagli ottomani fu allora chiamato Spada vendicatrice dell'Islam, per la spietatezza delle sue azioni. Con una serie di alleanze strategiche, fra cui anche una discussa con i Francesi, nemici degli Spagnoli, riuscì a diventare viceré di Algeri, Signore di Tripoli e di al-Mahdiyya per conto di Solimano il Magnifico. Il 25 luglio 1546 il corsaro Dragut sbarcò a Laigueglia (SV) e catturò tutti gli abitanti caricandoli sulle sue navi come schiavi. Nel luglio 1551, Dragut e Sinan Pascia assalirono le isole maltesi, e dopo un assedio al castello di Gozo di tre gioni portò via circa 5000 degli abitanti come schiavi. Poi assalirono la fortezza di Tripoli. Nel luglio 1553, Dragut si accostò a Cosmopoli (Portoferraio) ma fu respinto con molte perdite. Ebbe ancora una sconfitta nell'assedio di Piombino. Nel 1564 lanciò ripetuti assalti e saccheggi al borgo di Civezza, nell'attuale provincia di Imperia. L'eroica resistenza della popolazione del piccolo paesino passò alla storia. Nel 1554 mise a ferro e fuoco la città di Vieste, e dopo averla depredata, decapitò quasi 5000 viestani. La pietra sulla quale avvenne questo orrore venne detta da allora La Chianca Amara. Il 2 luglio 1555 assediò la cittadina di Paola (CS), la saccheggiò e la incendiò. Nel maggio del 1565 assediò il forte di Sant'Elmo a (Malta), cannoneggiandolo ripetutamente. Il forte tuttavia resistette e contrattaccò. Dragut, ferito alla fronte da una scheggia di pietra, morì. Il corpo di Dragut fu portato a Tripoli, ove fu sepolto, nella moschea chiamata "Saray Dragut". La sua tomba si trova ancora là, accanto alla scuola coranica madrasa e ai bagni pubblici hammam che portano ancora il suo nome.